Project Description

Eugenio Bosa
(Venezia 1907 – Venezia 1885)

Studio di uomo nudo di spalle

Matita
misure: mm 300 x 437

Pittore e scultore italiano. Sin da giovane, sotto la spinta dal padre Antonio, si dedica alla scultura e già nel 1827 si fa conoscere per un gruppo di quaranta busti giganteschi, oggi dispersi, a soggetto mitologico e rurale, per la Villa dei Conti Sabatini a Udine. Contemporaneamente collaborava con il padre dimostrando capacità nel cogliere i dettami dello stile neoclassico allora in voga. Precocemente si avvicina alla pittura; realizza pochi soggetti religiosi, si afferma nella pittura di genere, in quella storica e in quella satirica. Con piglio originale ed estroso attira l’attenzione sia di capi di Stato, nobili ma anche collezionisti italiani che vedevano il suo studio come un ritrovo mondano, un passaggio obbligato durante i soggiorni veneziani. Gli affibbiarono il soprannome di “Goldoni della pittura veneziana”. Soddisfatto della posizione sociale ed economica conquistata, abbandonò il lavoro a quarant’anni per godersi la vita. Sue opere sono conservate nei musei di Trieste, Padova e Venezia.

In questo disegno l’attenzione dello spettatore è catturata dal michelangiolesco corpo maschile di spalle. Il modello è seduto come su un argine di un torrente. La torsione del corpo, con le mani adagiate a terra come nell’atto di sollevarsi, mostra le braccia muscolose, la schiena in tensione e il volto rivolto a destra caratterizzato da una bocca socchiusa, naso alla greca, lo sguardo fisso verso un punto in lontananza e capelli mossi dal vento. La capigliatura è tipicamente neoclassica. Sembra di vedere uno studio per un dio fluviale, un allegoria. Evidente è la conoscenza della statuaria classica Il tratto è rapido, la linea di contorno è morbida su tutta la figura e l’intersezione fitta del tratteggio regala giochi chiaroscurali che mostrano l’attenzione per gli effetti della luce sul nudo atletico. In basso a destra, a matita, firma. Al verso veloci schizzi a matita.

Disegno su carta vergellata color avorio. Buono stato di conservazione, leggero foxing e qualche piega.

Filigrana: tre mezze lune (Veneto, XVIII secolo)

Bibliografia: A. De Alisi, Le arti figurative nella Venezia Giulia, ms. (sec. XX), ad vocem.

Prezzo: € 400,00