Project Description

Incisore anonimo attivo a Roma all’inizio del XVI secolo.

San Francesco

Bulino
misure: 224 x 152

Questa stampa probabilmente deriva da un’incisione di Agostino Carracci, San Francesco confortato da un angelo musicante tradizionalmente ritenuta copia in controparte con alcune varianti dell’incisione di medesimo soggetto di Francesco Vanni (1563 – 1610). Al contrario, come riconosciuto per primo da Bellori, deriva dal dipinto di Vanni conservato presso la Galleria Rizzi di Sestri Levante. L’incisione di Carracci, ritenuta da Mariette e da Bartsch una delle migliori e più riuscite all’autore, godette di grande popolarità tanto che si conoscono molte derivazioni sia in pittura che in incisione. Il Bartsch cataloga dieci copie, una sola come a nostra priva dell’angelo musicante (c7) forse incisa da Brizio. La presente versione è inedita.

In questa stampa il Santo è rappresentato seduto, adagiato su di una roccia. Egli sembra assopito, dormiente, ha il volto sereno, gli occhi socchiusi, barba e capelli incorniciano un volto allungato, emaciato e segnato dal tempo, il saio riccamenete panneggiato con contrasti chiaroscurali avvolge il suo corpo. Il Santo stringe a se la croce con il Cristo e tra le mani affusolate scende un rosario. In primo piano sulla destra sono abbandonati degli oggetti: una cesta, una ciotola e un teschio simbolo della vanitas. Sullo sfondo a sinistra si apre un paesaggio montuoso appena accennato. In basso oltre l’immagine, inciso lungo una fascia bianca si trova la scritta: EGO DORMEO. ET COR MEUM VIGILANT, più sotto: Andrea Vaccario For. Roma”. Andrea Vaccari o Vaccario (Roma 1573 – 1627) è stato un incisore ed editore insieme al fratello Michelangelo, attivo a Roma fra il 1595 e il 1627. Come editori pubblicarono libri e fogli sciolti dei maggiori incisori attivi a Roma durante la loro epoca. Presso la Biblioteca Civica di Mantova si conserva il loro catalogo datato 1614 che elenca 1500 lastre.

Impressione eccellente dai neri intensi su carta vergellata. Ottimo stato di conservazione. Esemplare rifilato alla battuta del rame.

Bibliografia: per versione di Carracci: Tib 39 .193, B 67. Per attività dei Vaccaro:
M. Bury, ‘The Print in Italy 1550-1625’, British Museum, London 2001, p.234

Prezzo: € 300,00