Project Description

Giuseppe Bossi
(Busto Arsizio 1777 – Milano 1815)

Filosofo

Matita e acquerello
misure: mm 223 x 150

Pittore, disegnatore, bibliofilo, letterato, collezionista, poeta, critico e storico dell’arte. A soli quindici anni è accolto nell’Accademia dell’Arcadia per i suoi componimenti poetici. Successivamente segue a Brera i corsi di Traballesi, Knoller e Appiani. Nel 1795 è a Roma dove stringe amicizia con Felice Giani , Angelika Kauffmann e soprattutto con Antonio Canova, di cui diventa amico fraterno. Nel 1801, a soli ventiquattro anni, è nominato Segretario dell’Accademia di Brera. Grazie anche al sostegno della Repubblica Cisalpina egli imprime una svolta radicale alla suddetta istituzione, redigendo i nuovi statuti, ampliando la collezione della Pinacoteca (si ricorda fra tutti l’acquisto dello “Sposalizio della Vergine” di Raffaello) e raccogliendo svariato materiale didattico; dalle stampe ai gessi ai libri.
Viaggia intanto a Roma, Napoli e Parigi, dove fa la conoscenza di David.
Nel 1802 vince il concorso bandito dalla repubblica Cisalpina con il dipinto “La Riconoscenza della Repubblica italiana a Napoleone”.
Nel 1807 da le dimissioni dall’Accademia a causa dei contrasti col governo e la nuova politica- da lui giudicata troppo severa- di Napoleone.
Nello stesso anno, su incarico del Viceré Eugenio di Beauharnais realizza una copia del Cenacolo vinciano. Per questa occasione pubblica nel 1810 il saggio “Del Cenacolo di Leonardo da Vinci”, che riscuote un immediato successo ed è ancora oggi considerato un testo fondamentale per lo studio del pittore toscano. Bossi muore prematuramente nel 1815 lasciando incompiuta la commissione per gli affreschi di Villa Melzi a Bellagio.
Giuseppe Bossi fu un infaticabile ed eccelso disegnatore. Egli utilizzava il disegno come momento di studio ed elaborazione delle proprie idee figurative. Dotato di un segno veloce, sicuro ed energico; era inoltre in grado di realizzare, grazie all’uso di sapienti campiture acquerellate, opere di grande atmosfera.

Nel foglio viene rappresentato un uomo anziano in piedi, forse un filosofo. Ha lunghi capelli e una lunga barba bianca mossi dal vento, la fronte corrugata e lo sguardo fisso e concentrato su di un punto in lontananza. È colto frontalmente e sembra incedere verso lo spettatore avvolto in una veste riccamente panneggiata. La vivacità della figura è ottenuta grazie al contrasto chiaroscurale ottenuto dall’abile impiego dell’acquerello bruno. Una sola stesura di un bruno più tenue rispetto alla figura definisce l’ombra della figura collocandola così in uno spazio reale e infondendo un’atmosfera solenne e lirica.

Carta vergellata leggera databile al XVIII secolo. Ottimo stato di conservazione. Filigrana: lettere MD. Provenienza Luigi Milani, Busto Arsizio.

Prezzo: RISERVATO